Territorial Responsible Research and Innovation Through the involvement of local R&I Actors (TeRRItoria)

Progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Horizon 2020 Ricerca e Innovazione
Grant Agreement: 824565
Durata: 36 mesi
Data di avvio: 1/02/2019
Il sito ufficiale del progetto
Questo progetto, guidato dalla Fondation Européenne de la Science (ESF), mira a sperimentare l’adozione dell’approccio della Responsible Research and Innovation (RRI) nei sistemi di ricerca e sviluppo regionali e territoriali europei. TeRRItoria si basa sull’idea che gli approcci, le politiche e le pratiche di RRI sviluppate finora a livello di istituti di ricerca, possono essere adattati a quello della governance regionale e territoriale. Il progetto metterà in collegamento la RRI con la strategia generale della “Smart Specialisation of regions”, assumendo che un aumento di responsabilità sociale nei sistemi di R&I può anche favorire la competitività dei territori europei.
Pertanto il progetto contribuirà allo sviluppo di ciò che può essere chiamato “RRI territoriale”,attuando una serie di esperimenti trasformativi in 5 territori europei selezionati. Il progetto è realizzato da un consorzio di 13 organizzazioni di 8 Paesi.Conoscenza e Innovazione è impegnata in modo particolare nelle attività di progetto volte a mappare le pratiche di innovazione della governance in tutta Europa, e possibilmente oltre, fornendo nuovi strumenti per aumentare la capacità dei sistemi regionali di R&I di essere inclusivi, anticipatori, riflessivi e reattivi.

Notizie

Co-creazione delle politiche regionali – appuntamento il 21 gennaio 2021
Il terzo appuntamento dei #ResponsibleRegions Dialogues, promosso e organizzato nell’ambito del progetto TeRRItoria, si terrà il 21 gennaio 2021. L’incontro sarà dedicato a “The Nordland case in SeeRRI: an approach to co-creating regional planning strategy” e sarà illustrato da Nhien Nguyen – Professore associato presso la Norwegian University of Science and Technology e Senior Researcher del Nordland Research Institute. L’incontro sarà l’occasione per una riflessione sulla progettazione partecipata delle politiche regionali, a partire dall’esperienza del progetto SeeRRI sulla sostenibilità ambientale. Per iscriversi, vai sul sito: http://territoriaproject.eu/responsibleregions-third-dialogue/
Il contributo della RRI nelle politiche regionali per l’innovazione
“How to include RRI in Regional Innovation Policies” è il titolo del secondo appuntamento dei #ResponsibleRegions Dialogues, promossi nel quadro del progetto TeRRItoria, che si è svolto il 17 dicembre 2020. Giulia Bubbolini, responsabile dei progetti UE del CISE – Centre for Innovation and Economic Development, Agenzia della Camera di Commercio della Romagna (Italia), ha illustrato l’esperienza di miglioramento delle politiche regionali pubbliche attraverso l’implementazione della RRI nelle piccole e medie imprese, realizzate anche attraverso i progetti Interred MARIE e ROSIE. La presentazione di Bubbolini è stata commentata da Dimitri Corpakis, Friends of Smart Specialisation, e  Ninetta Chaniotou, Senior Project Manager at Kainuu Regional Council. Il video e la presentazione di questo secondo appuntamento sono visibili qui: http://territoriaproject.eu/second-responsibleregions-dialogue-how-to-include-rri-in-regional-innovation-policies/
#ResponsibleRegions Dialogue – Smart Specialization Strategy, innovazione e partecipazione
Il progetto TeRRItoria, tramite il suo partner EURADA, ha avviato, a partire dal novembre 2020, #ResponsibleRegions Dialogues, incontri mensili online con esperti e stakeholders sul possibile contributo dell’approccio della Ricerca e Innovazione Responsabili (RRI) alla implementazione della Smart Specialisation Strategy (S3). L’intento è quello di promuovere occasioni comuni di riflessione, di scambio e di apprendimento reciproco su contenuti ed esperienze innovative in questo ambito tra ricercatori, innovatori, agenzie dello sviluppo regionale, decisori politici, attori locali e della società civile, al fine di rendere le politiche di sviluppo delle regioni e degli ecosistemi territoriali in sintonia con i bisogni e le aspettative delle comunità che li abitano.
Il primo dialogo, dal titolo “The new Smart Specialisation Strategy (S3) of the Regional Development Agency of the region of Upper Austria”, si è svolto il 19 novembre 2020, con la partecipazione Klaus Oberreiter, responsible for policy & location strategy of Business Upper Austria. Oberreiter ha descritto un approccio partecipativo alla costruzione della S3 adottato dall’Upper Austria fin dal suo primo “Strategic Programme” del 1998. La presentazione e il video del primo dialogo sono accessibili qui: http://territoriaproject.eu/first-responsibleregions-dialogue-on-rri-in-regional-contexts/
Un aggiornamento dalle sperimentazioni di TeRRItoria
Nonostante le difficoltà connesse alla pandemia di Covid-19, le cinque sperimentazioni sulla implementazione della RRI territoriale del progetto TeRRItoria hanno avviato le attività previste, o attuato soluzioni alternative e approcci innovativi online per la consultazione e il dialogo con cittadini e stakeholders. Le sperimentazioni riguardano: la definizione del piano regionale per le pari opportunità nella ricerca e l’innovazione nella regione della Macedonia (Grecia); la definizione e l’implementazione di spazi di dialogo tra imprese e realtà innovative della Regione di Trøndelag con l’Università NTNU (Norvegia); la costruzione e l’attivazione nella Regione del Nord Est della Romania di una piattaforma per il brokerage dell’innovazione e l’agenda setting nel settore dell’alimentazione; la costruzione e la sperimentazione di misure di sostegno al piano municipale di coinvolgimento pubblico per costruire la S3 locale a Gabrovo (Bulgaria). Infine nella Regione Emilia-Romagna, la sperimentazione, a cura di ART-eR e con l’assistenza tecnica di K&I, è finalizzata alla definizione di una metodologia per l’inserimento e l’integrazione della RRI nel processo di formulazione e implementazione della Smart Specialisation Strategy regionale (RIS3) per il periodo 2021-2027. Con questa sperimentazione la Regione Emilia-Romagna punta a: promuovere un modello di governance inclusiva fondato sulla quadrupla elica; incentivare il coinvolgimento di cittadini e stakeholders nei progetti di ricerca pubblico-privato; definire un programma di misure legate al place-based and challenge-based innovation approach; promuovere un nuovo approccio alle politiche di innovazione sociale e al monitoraggio e alla valutazione di impatto sociale delle attività di ricerca e innovazione della RIS3.
Territoria mid-term project meeting
Il 23 giugno 2020 si è svolto online il Mid-Term Project Meeting di Territoria. Nel corso della sessione della mattina, finalizzata a fare il punto delle attività realizzate da ogni Work Package, è intervenuto Daniele Mezzana (Team leader di K&I) che ha presentato le attività svolte per il WP3 “Mapping governance innovation practices in Europe and beyond”. La sessione pomeridiana si è focalizzata sugli impatti prodotti dal lockdown sul progetto e sulle attività di co-progettazione dei cinque esperimenti sulla RRI territoriale, attraverso il coinvolgimento degli stakeholders.
Online il secondo numero della newsletter
È disponibile online il secondo numero della Newsletter del progetto TERRITORIA. Il numero è dedicato a due temi:
– Le modalità con cui i team coinvolti nelle sperimentazioni hanno riorganizzato le loro attività di co-creazione dei cinque esperimenti della RRI territoriale a seguito della pandemia di COVID-19;
– La presentazione sintetica degli strumenti (inventari e mappe) di supporto alla progettazione delle sperimentazioni, realizzati nel quadro del WP3 e contenuti in tre deliverables. Si tratta dell’Inventario delle pratiche bottom-up d’innovazione della governance (realizzato da K&I); dell’Inventario delle pratiche d’innovazione della governance legate alla RRI (realizzato da SEERC) e della Mappa degli approcci, delle politiche e degli strumenti per la RRI territoriale (realizzato da K&I).
Pubblicata online la prima newsletter del progetto
A dicembre 2019 è stato pubblicato il primo numero della newsletter del progetto TeRRItoria, che descrive le attività svolte nei primi 8 mesi, inclusi il kick-off meeting, l’avvio delle attività di mappatura funzionali alla preparazione dei cinque esperimenti di applicazione della RRI ai processi di governo del territorio; il Workshop di Bologna sulla RRI territoriale del 27-29 novembre 2019.
La newsletter è disponibile qui
Inventari di pratiche di Bottom-up Governance Innovation
Al fine di favorire una migliore preparazione delle cinque sperimentazioni del progetto TeRRItoria sull’applicazione della RRI territoriale, sono stati realizzati in parallelo due inventari.
Il primo è l’Inventario delle pratiche bottom-up d’innovazione della governance del territorio, che è stato realizzato da K&I. Questo inventario è focalizzato sulle iniziative di governance dell’innovazione promosse da differenti tipi di coalizione di attori che attivano o hanno attivato un processo di “ri-territorializzazione”, per promuovere lo sviluppo locale e la coesione sociale. L’inventario è stato realizzato facendo ricorso alla documentazione disponibile on-line e alla consultazione di alcuni interlocutori coinvolti nell’implementazione delle pratiche identificate. Sono state quindi selezionate e analizzate 30 pratiche, che sono state raggruppate in cinque categorie: ri-radicamento delle attività economiche e sociali; recupero e sostegno della conoscenza locale; definizione di nuovi quadri regolativi; gestione dei rischi (ambientali, economici e sociali); agenda setting. L’inventario è disponibile qui.
Il secondo inventario è dedicato alle pratiche di RRI (Ricerca e Innovazione Responsabile) Governance Innovation. Sulla base dell’analisi iniziale di 80 progetti europei di RRI riguardanti il Public engagement, l’etica, il genere, la science education, e l’open access, sono state analizzate 43 pratiche di RRI governance innovation. I risultati dell’inventario realizzato dal SEERC (Grecia) sono contenuti in questo documento.
Mappa degli approcci, delle politiche e degli strumenti per la RRI territoriale
Nell’ambito del progetto TeRRItoria, K&I ha redatto la “Mappa degli approcci, delle politiche e degli strumenti per la RRI territoriale”, da usare per progettare e implementare i cinque esperimenti trasformativi del progetto TeRRItoria. La Mappa è basata sull’analisi di due inventari realizzati in precedenza nell’ambito del progetto, relativi alle pratiche di bottom-up governance innovation e a quelle di RRI governance innovation.
La mappa non intende offrire, in modo esaustivo, tutte le possibili misure utili per l’attuazione di un programma RRI territoriale; piuttosto, mira a fornire orientamenti, parametri di riferimento e strumenti in grado di supportare i partner di TeRRItoria coinvolti negli esperimenti di trasformazione per esplorare e sfruttare pienamente questo approccio.
Il documento parte dall’analisi di alcuni fenomeni centrali per la realizzazione degli esperimenti, vale a dire: le trasformazioni in atto nella società; i processi di “de-territorializzazione”; le pratiche di “territory-making” che operano per contrastarli; le dinamiche territoriali nel panorama europeo; e il possibile ruolo di una RRI territoriale. Successivamente, il documento offre al lettore un quadro delle principali caratteristiche del processo di “territory-making”, nonché i principali ambiti in cui possono operare le politiche di appoggio a tale processo. Infine, la mappa traccia le linee guida per pensare e mettere in atto iniziative di RRI Territoriale.
E’ possibile consultare la Mappa qui
Il progetto TeRRItoria al workshop di SeeRRI
Dal 18 al 20 settembre 2019, alcuni rappresentanti del progetto TeRRItoria hanno partecipato al Workshop del progetto SeeRRI (Building Self-Sustaining Research and Innovation Ecosystems in Europe though Responsible Research and Innovation – https://seerri.eu/), svoltosi a Bologna e organizzato dall’Università Alma Mater Studiorum. Al Workshop hanno aderito tutti i progetti finanziati con fondi europei e riguardanti la gestione del territorio e i temi ambientali. Daniele Mezzana, K&I team leader, ha presentato brevemente le finalità e le attività del progetto TERRITORIA, con particolare riferimento alle azioni di mappatura in corso. Del progetto TERRITORIA, hanno preso parte al Workshop anche Maresa Berliri, K&I; Kristian Mancinone, ART-ER, e Maria Michali, SEERC. Durante l’iniziativa, sono stati presentati anche i progetti Interreg MARIE e ROSIE e il progetto TERRIFICA.
Mappa dei Territorial Milieus delle sperimentazioni
Nell’ambito del progetto TeRRItoria è stata realizzata, tra giugno e novembre 2019, la mappatura dei “territorial milieus” delle aree dove si svolgeranno, a partire da agosto 2020, le cinque sperimentazioni sull’applicazione della RRI territoriale. Si tratta della Regione della Macedonia Centrale (Grecia); della Regione Emilia-Romagna (Italia); della Regione di Trøndelag (Norvegia); della Regione del Nord-Est (Romania); e della Municipalità di Gabrovo (Bulgaria). Per ciascun’area territoriale, sono state raccolte informazioni e documenti circa gli attori, le politiche, così come i fattori di ostacolo e di facilitazione e le pratiche innovative rilevanti per le sperimentazioni. In particolare, K&I ha realizzato, in collaborazione con ART-ER, la mappatura nella Regione Emilia-Romagna, in vista di una sperimentazione che riguarderà gli ambiti dell’educazione/formazione e del public engagement di quegli attori non solitamente coinvolti nella definizione della Smart Specialization Strategy, con particolare riguardo all’ambito delle industrie della salute e del benessere e a quello delle industrie creative, come ad esempio l’associazionismo, il terzo settore, gli enti locali, ecc.
Gli esiti di questo lavoro di mappatura sono contenuti in un documento preparato da ARC FUND (Bulgaria).
Workshop e partners meeting di TeRRItoria a Bologna
Il 27 e 28 novembre 2019 si è svolto a Bologna, presso la sede di ART-ER, un Workshop sulla “RRI Territoriale”, nel quadro del progetto TeRRItoria. Sulla base dei risultati conseguiti nei primi 10 mesi di attività, che hanno condotto alla redazione della Map of Policies, Approaches and Tools for Territorial RRI (D3.3.), il Workshop ha avviato una riflessione sulla definizione e sulle possibili applicazioni della RRI territoriale per la co-progettazione dei cinque esperimenti locali previsti dal progetto. Il Workshop è stato diviso in due parti: il primo giorno è stato dedicato a una riflessione e discussione sul concetto di RRI territoriale e su come questa possa essere utilizzata in pratica. Il secondo giorno, sulla base dei risultati del lavoro del primo giorno e del precedente esercizio di mappatura, è stato dedicato a un brainstorming sui cinque esperimenti in funzione di una loro maggiore determinazione. I risultati del Workshop sono riportati in un Working paper, che è stato consegnato a fine dicembre (D4.1).
Al termine del Workshop, il 28 novembre pomeriggio e il 29 mattina si è poi svolto il Partners Meeting del progetto TeRRItoria per fare il punto sulle attività realizzate nei primi dieci mesi di attività.
Kick-off meeting di TeRRItoria
Il 27 e 28 febbraio si è tenuto a Strasburgo il Kick-off meeting di TeRRItoria, presso la sede dell’European Science Foundation, coordinatore del progetto. Sono intervenuti, per K&I, Fabio Feudo e Daniele Mezzana. Il primo giorno è stata presentata una panoramica del progetto e dei suoi contenuti teorici e metodologici generali. Inoltre, sono stati illustrati i programmi dei vari work packages, relativi alle mappature iniziali (di esperienze di pratiche di innovazione della governance e degli “ecosistemi di ricerca & innovazione” in cui si svolgerà il progetto), all’attività di co-design di “esperimenti trasformativi” nel campo della RRI territoriale e alla realizzazione di cinque “esperimenti trasformativi” in Central Macedonia (Grecia), Emilia-Romagna (Italia), Regione di Trondelag (Norvegia), North East Romania e municipalità di Gabrovo (Bulgaria). Nel secondo giorno, dopo l’intervento di Linden Farrer (UE DG RTD), sono state illustrate le attività di valutazione, di mutual learning e policy advice, e di comunicazione e disseminazione.